SAVE THE DATE _ sabato 13 febbraio 2016 _ H.18,00 _ UMANA NATURA_Galleria MAG_ Como

Gianluca Chiodi Locandina

 

CS Gianluca Chiodi

PR Gianluca Chiodi

 

MAG
presenta
UMANA NATURA
Mostra personale di Gianluca Chiodi
a cura di Salvatore Marsiglione
Inaugurazione Sabato 13 febbraio 2016 dalle ore 18:00
dal 13 febbraio al 5 marzo 2016
MAG
Via Vitani, 31 Como
info: +39 3287521463
info@marsiglioneartsgallery.com
orari apertura: dal martedì al sabato dalle 10:30 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:30
La MAG – Marsiglione Arts Gallery, espone “Umana natura”
la prima mostra personale a Como di Gianluca Chiodi
.
Come ogni anno, la galleria MAG presenta un artista che ha fatto della fotografia il suo
strumento di espressione, e in questa occasione, le luci si sono accese sul riflessivo
Gianluca Chiodi che in anteprima presenta la serie inedita “Orbite” nonché due recenti progetti dal titolo “Risvegli_100% biodegradabile” ed “Hot Skin” sviluppati negli ultimi due anni.
L’attività di Gianluca Chiodi ha inizio negli anni ‘90 quando trentenne si avvicina alla foto
grafia lavorando per l’editoria, la pubblicità e la moda, per approdare nel 2003 al mondo
dell’arte, iniziando un percorso espositivo collaborando attivamente con importanti critici, gallerie e istituzioni pubbliche nazionali ed estere, esponendo a Berlino e a
Parigi. Fin dal suo primo progetto (15 sono le serie prodotte dall’artista), al centro della sua ricerca troviamo l’uomo nella sua imperfetta perfezione e la natura vista con quell’atteggiamento tipico del pensiero filosofico Scintoista che la colloca al centro di tutto e generatrice di tutto e pertanto va rispettata, venerata e soprattutto tutelata, poiché è da essa che deriva l’equilibrio della vita.
Umana natura è una sintesi del pensiero contemporaneo di Gianluca Chiodi, titolo che
lega tra loro tre capitoli della sua personale saga sul rapporto uomo/natura intesa quest’ultima non solo come ambiente ma soprattutto come l’insieme delle caratteristiche distintive, compresi i modi di pensare, di sentire e di agire, che gli esseri umani tendono naturalmente ad avere, indipendentemente dall’influenza della cultura e della natura.
Con “Risvegli_100% biodegradabile”, l’artista – in chiave teatrale e molto scenografica –
vuole scuotere le nostre coscienze sbattendoci in faccia, senza troppe remore, lo scempio
che l’uomo sta compiendo sull’ambiente che lo circonda, irrispettoso del suo naturale equilibrio. Gianluca Chiodi traduce il concetto in una danza tra uomini e donne quasi macabra, in un ipotetico Eden sopraffatto dalla nostra incuria, dove i quintali di plastica che quotidianamente produciamo ci tengono in ostaggio.”Hot Skin” esplora l’aspetto erotico della natura umana partendo dal presupposto che tutti noi, ancor prima della reale conoscenza, proiettiamo sulle persone che ci attraggono, le
nostre private fantasie e perversioni, mossi dalla biochimica e dai comportamenti del no
stro essere contemporanei, forse l’aspetto più animale della nostra essenza. L’inedito “
Orbite” va quindi vissuto come la nostra naturale resurrezione cioè che la soluzione al nostro annientamento passa inevitabilmente attraverso un comportamento rispettoso dell’ambiente/natura verso il quale il nuovo approccio dovrà essere simile ad un nuovo approdo, consapevoli di essere noi stessi natura ovvero parte di un tutto senza il quale la nostra sopravvivenza non sarà possibile.
Umana natura
esprime il concetto che la natura è sia fuori che dentro l’uomo affermando
quindi che, se l’uomo è natura e la natura è l’uomo, per una convivenza migliore con noi
stessi, dovremmo rivedere il nostro personale nonché culturale atteggiamento verso di
essa, consci che la natura può dimostrarsi implacabile ed aggressiva, spesso ribellandosi
al nostro fare con furia e distruzione.
Il nostro Eden é oggi ed è qui, sul pianeta che abitiamo e di cui siamo responsabili, ma
che non ci potrà ancora a lungo ospitare “a tutti i costi”
Salvatore Marsiglione
Also this year gallery MAG puts the attention on an artist who uses photography as his
own expression means , and on this occasion, the lights have been focused on reflective
Gianluca Chiodi who presents in preview his unreleased series “Orbite” (“Orbits”) as well
as two recent projects titled “Risvegli_100% biodegradabile” (“Awakenings _100% biodegradable”) and “Hot Skin” produced during the last two years.
Gianluca Chiodi’s activity began in the ‘90s, when in his thirties he approached photography working first in the publishing and fashion industry to then later attain in 2003 art world. So he started his own exhibition itinerary collaborating actively with important critics, galleries, Italian and foreign public institutions and exhibiting his artworks in Berlin and Paris.
Since his first project (until nowadays he produced fifteen series) ,in the heart of his artistic research there are human being in all his imperfect perfection,and nature, seen according to the philosophical Shintoist thought which puts it at the center of everything, creator of the all and so it must be respected, venerated, and above all defended, because life equilibrium comes from it.
Umana natura – Human Nature- is a summary of Gianluca Chiodi’s contemporary thinking, a title that links among them three moments of his personal saga about the relationship humans/nature the latter intended not only as environment but above all as the totality of the distinctive features, including the ways of thinking, feeling and acting that all human beings naturally have, independently of culture and nature’s influence.
With the series “Risvegli_100% biodegradabile” – “Awakenings _100% biodegradable”-
the artist, in a theatrical and very scenographic tone, wants to shake our consciences slamming on our faces, without too many hesitations, the slaughter that humans are doing to the surrounding nature , disrespectful of their natural equilibrium. Gianluca Chiodi turns the concept into a nearly macabre dance of men and women, in a hypothetical Eden overpowered by our negligence, where the quintals of daily produced plastic hold us to ransom. “Hot Skin”explores the erotic side of human nature starting from the prerequisite that we all, before the real knowing, project to the people who attract us our private fantasies and perversions, moved by the biochemist and by the hidden behaviors of our being, maybe the most animal aspect of our essence.
The new “Orbite” – “Orbits” should be seen as our natural resurrection, that is to say that
the solution to our annihilation inevitably passes through a respectful conduct to nature/
environment towards which our new approach must be like a new haven, aware to be
ourselves nature, in other words we are part of a whole without which our own survival will not be possible.
Umana natura
espresse the concept that nature is both outside and inside humans, so if humans are nature and nature is humans, in order to reach a better coexistence with ourselves, we should reconsider our personal as well as cultural attitude towards it, aware
that nature is able to be implacable and aggressive,often revolting against our destructive
and furious conduct .
Our Eden is now and here, on the planet where we live and which we are responsible of,
but it will not be able to host us too longer “at all costs”.
Salvatore Marsiglione

 

SAVE THE DATE _ martedì 19 giugno _ H.20,00 _  N.I.P. part 2 _ Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea _ Milano

Ho il piacere di invitarvi il prossimo Martedì 24 giugno c/o la Galleria di Sabrina Raffaghello e mostrarvi “Ancestors” un’inedita serie di ritratti.
Sarò presente alla vernice e molto felice di ricevervi.
Gianluca Chiodi

NEW IDEAL PHOTOGRAPHY #2
Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea ha festeggiato gli 11 anni di attività con l’apertura di una nuova sede nel cuore di Milano in via Gorani 7, con il progetto N.I.P. New Ideal Photography che riunisce in una collettiva in due puntate una selezione degli artisti con cui Sabrina Raffaghello ha costruito il suo percorso nella storia e nel mercato della fotografia. Questa seconda parte espone Gianluca Beccari, Nik Barte, Gianluca Chiodi, Massimo Festi, Marco Giovani, Pina Inferrera, Nicola Vinci, Barbara la Ragione, Giancarlo Marcali, Oriella Montin, Mirko  Rotondi, Ivan Piano , Rosetta Messori, Edoardo Romagnoli e Grace Zanotto, che raccontano un percorso di fotografia di sperimentazione e installazione sdoganando il linguaggio fotografico dal concetto di immagine rappresentativa.

TI ASPETTIAMO  MARTEDI’ 24 GIUGNO ORE 20 .
10484809_661274603947189_6334741613403226534_n JACOPO ANTENATI gli antenati

RISVEGLI 100% Biodegradabile

Risvegli

Risvegli

Federico Rui Arte Contemporanea

presenta

RISVEGLI

100% BIODEGRADABILE

personale di Gianluca Chiodi

                                                                                                                      a cura di Claudia Bernareggi

dal 30 gennaio al 15 marzo 2014

inaugurazione, giovedì 30 gennaio ore 18.30>21.00

Federico Rui Arte Contemporanea

via Turati 38, Milano

MILANO, 30 gennaio 2014 – Inaugura giovedì 30 gennaio alle ore 18.30, la personale “Risvegli – 100% Biodegradabile” – accompagnata da un testo di Claudia Bernareggi – con cui la galleria Federico Rui Arte Contemporanea di Milano presenta Gianluca Chiodi, artista bresciano, classe 1966. Ventuno “installazioni fotografiche” e otto encausti, realizzati appositamente per una mostra che l’artista concepisce come un vibrante mezzo di sensibilizzazione dello spettatore a un uso più rispettoso dell’ambiente. Un concetto di cui Chiodi si fa carico sin dalla realizzazione delle opere stesse: stampa su carta di cotone e finisce le sue “installazioni fotografiche” con vetro, legno, cartone. Nessun materiale inquinante, tutto: 100% BIODEGRADABILE. Ed è proprio in questo senso che il titolo stesso della mostra, RISVEGLI – 100% BIODEGRADABILE, può essere inteso sia come presa di coscienza spontanea, sia come suggerimento. Se negli encausti Gianluca Chiodi dialoga con lo spettatore attraverso l’evanescenza ottenuta dalla contrapposizione tra la modernità del mezzo fotografico e l’antichissima tecnica che vede l’utilizzo di pigmenti di colore mescolati alla cera fusa e poi stesi col pennello sull’immagine stampata su cotone (o su tavola), nelle “installazioni fotografiche” lo fa utilizzando un “disturbo”, l’inserimento di oggetti di plastica di uso comune, che nella loro dimensione oversize diventano parte della struttura stessa dell’immagine. E così, corpi avvolti nella plastica in un giardino ideale, al tempo stesso conniventi e ostaggio del materiale, sembrano danzare insieme seppur limitati nel movimento, sono intrappolati, e nonostante ciò giocano e convivono con la plastica stessa. Nella loro sembianza di umana deità, quei corpi vogliono ricordarci che qui, ora, in questo mondo, ci è data la possibilità di vivere, di esistere, e non solo di sopravvivere a noi stessi e ai nostri scarti; vogliono esortarci a una presa di coscienza maggiore che ci porti a reagire a quel “disturbo” diventando consumatori più responsabili. La mostra, accompagnata dal catalogo edito da Vanilla Edizioni con un testo di Claudia Bernareggi, è visitabile fino al 15 marzo (mar – ven: 15.00 – 19.00, sabato su appuntamento, ingresso gratuito).  

Gianluca Chiodi_Nel mezzo del giardin_cm60x15_fotografia_2013  

MILAN, January 30, 2014 – Opens Thursday, January 30th at 18:30 , the staff ” Awakenings – 100% Biodegradable ” – accompanied by a text by Claudia Bernareggi – with which the gallery Federico Rui Contemporary Art in Milan presents Gianluca Chiodi, artist from Brescia , class 1966. Twenty-one ” photographic installations ” and eight encaustic , made ​​specifically for an exhibition that the artist conceived as a vibrant means of raising awareness of the viewer to use more environmentally friendly. A concept which is responsible Nails since the creation of the works themselves : print on cotton paper and ends his ” photographic installations ” with glass , wood, cardboard . No polluting material , all 100% biodegradable . It is in this sense that the title of the exhibition , RISVEGLI – 100% biodegradable , can be understood both as a spontaneous awareness , both as a suggestion. If in encaustic Gianluca Chiodi communicates with the viewer through the evanescence obtained by the contrast between the modernity of the photographic medium and the age-old technique that sees the use of color pigments mixed with melted wax and then hung out with the brush on the printed image cotton (or table ) , in the ” photographic installations ” it does so using a “noise” , the insertion of plastic objects in common use, and in their size oversize become part of the structure of the image . And so, bodies wrapped in plastic in an ideal garden , at the same time conniving and hostage of the material, seem to dance together but limited in movement, they are trapped, and despite what they play and live together with plastic. In their semblance of human deities , those bodies want to remind us that here, now , in this world, we are given the chance to live, to exist , and not only survive to ourselves and to our waste , they want to encourage us to an outlet greater consciousness that leads us to react to that ” noise” becoming more responsible consumers . The exhibition is accompanied by a catalog published by Editions Vanilla with a text by Claudia Bernareggi , is open until 15 March.(mar – ven: 15.00 – 19.00, sabato su appuntamento, ingresso gratuito). 

Gianluca Chiodi_Risvegli_cm55x52

News

    • Se Mi lasci ti cancello - a cura di Giorgio Zanchi, Galleria Marelia - Bergamo

      Se Mi lasci ti cancello

      a cura di Paola Ubiali
      Galleria Marelia – Bergamo
      in collaborazione con il Museo Bernareggi
      mostra inserita nell’evento:
      EFFETTO BIBBIA 2012
       Esercizi di scrittura: scritture artisti gallerie
      a cura di Giorgio Zanchi
      catalogo Silvana Editoriale
    • particolare allestimento
    • Myopìa Ray-Ban
      stampa fine-art su carta cotone, cm100x100, 2012
      Mela Alt esc- Uscita forzata
      encausto su tela emulsionata, cm 95×187, 2008
      Mater semper certa
      sfera di vetro soffiato a mano, oculare, immagine pianeta Terra stampata su Duratrans, diametro cm 19, 2011
      Essere o avere
      encausto su legno, cm100x100, 2010
      Il vitello è d’oro – 1000 anni dc2
      stampa fine-art su carta lucida, cm30x30, 2012
    • Amen
      stampa fine-art, graffe e rivista, cm26x42, 2012
      Adamo ed io – Non siamo angeli
      stampa fine-art su carta Metal, cm50x50, 2011
      allestimento
    • Avrei Potuto – Evil Eye – Il pollo di meno
      stampa fine-art su carta Metal, cm50x50, 2010
      Gioventu bruciata – 9,81 – Il cerbero
      stampa fine-art su carta Metal, cm50x50, 2011
      Iraconto
      stampa fine-art su carta Metal, cm50x50, 2012